NUMERO VERDE 800 592 894

SUPPORTO ASSISTENZA dal lunedi al venerdi 08.30-13.00 / 14.00-17.30

Locazionionline.com > News  > Danni causati dai condotti fognari

Danni causati dai condotti fognari

Normativa di riferimento:
Articolo 1123 del Codice Civile: Ripartizione delle spese

I condotti fognari sono ben definiti dalla normativa di riferimento in termini di bene comune:
“I condotti fognari sono considerati dalla legge parti comuni dell’edificio e sono oggetto di proprietà comune fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini, con esclusione dei soli raccordi di collegamento e delle tubazioni orizzontali che, diramandosi da detta condotta condominiale di scarico, servono i singoli appartamenti di proprietà esclusiva” (Cass. n. 10584 del 2012),
e si inseriscono, in termini di ripartizioni delle spese, tra i beni comuni soggetti all’applicazione dell’Articolo 1123 del Codice Civile: Ripartizione delle spese;
In particolare:
“…Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell’uso che ciascuno può farne. Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell’intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità”.

In caso di danni provocati dai condotti fognari è quindi necessario stabilire:
– L’esatta ubicazione del danno lungo il condotto
– La causa del danno

Questo perché dall’applicazione delle norme di cui sopra:

a) se il danno dovesse risultare a monte di un raccordo di collegamento, solo oltre il quale l’impianto è comune a tutto il condominio, allora non tutti i condomini saranno tenuti a risarcire il danno.
A tal proposito si cita la Corte di Cassazione che con sentenza nr.583 del 17/01/2001 ha stabilito che “i costi per le riparazioni dovranno essere posti a carico sui condomini che traggono utilità dall’impianto”;
b)se il danno risultasse causato da condotta colposa di un singolo condomino, sarà suo onere sostenere le spese per la riparazione (Cass.civ.sez.III 12/05/198 nr. 3146)